Il palazzo della Mezzanotte

Un romanzo per giovani e meno giovani

Tutto inizia nella Calcutta del 1916.

Il palazzo della Mezzanotte è il secondo romanzo dello scrittore spagnolo Carlos Ruiz Zafòn, pubblicato nel 1994 in Spagna, mentre in Italia è arrivato solamente nel 2010. Inizialmente le opere dello scrittore spagnolo sono state inserite nella narrativa per ragazzi, ma il suo intento era (dico era perché è scomparso nel giugno dello scorso anno) quello di coinvolgere persone di tutte le età.

Scrivendo quelle pagine ha cercato di creare una narrativa che Zafòn stesso apprezzava da ragazzo, ma che avrebbe continuato a interessarlo anche con il trascorrere degli anni. E dopo un lungo periodo di tempo, ce l’ha fatta.

Infatti da subito i suoi lavori hanno trovato accoglienza da parte di giovani e meno giovani, nonostante Il palazzo della Mezzanotte sia intriso di magia, mistero e avventura, dunque più adatto a un pubblico giovanile.

Questa opera fa parte della Trilogia della Nebbia, assieme a Il Principe della nebbia e Le Luci di Settembre, perché tutte e tre hanno atmosfere gotiche, trame mozzafiato e personaggi che si muovono in un mondo labirintico di luci e ombre. Questi elementi servono affinché le vicende restino impressi nella memoria dei lettori.

Il palazzo della Mezzanotte non è ai livelli stilistici de L’ombra del vento, altro romanzo di Zafòn che ha incontrato un enorme successo, ma è pur sempre un prodotto di buon livello. La scrittura appare ingenua, ma ci dobbiamo ricordare che è pur sempre un’opera giovanile che si rivolge a un pubblico di piccoli lettori, per cui poco importa se ci sono ambientazioni poco realistiche.

Per fare un esempio: è alquanto strano leggere di un orfanotrofio di Calcutta come un’isola felice, ma l’autore ha voluto lasciare ai giovani lettori il compito di lavorare con la fantasia. Questa è una cosa che a mio avviso apprezzo, perché lascia un margine di immaginazione al lettore.

E ora veniamo alla trama …

Calcutta, 1916, una locomotiva infuocata squarcia la notte portandosi dietro un carico di morti innocenti. Sotto una pioggia scrosciante, la stessa notte un giovane tenente inglese sacrifica la vita per portare in salvo due gemelli neonati, un maschio e una femmina, inseguiti da un tragico destino.

Calcutta, 1932. Ben, il gemello maschio, compie sedici anni e festeggia l’inizio della sua vita adulta, l’arrivo del giorno in cui dovrà abbandonare l’orfanotrofio St Patrick’s per prendere in mano il suo futuro. Festeggia anche l’ultimo giorno della Chowbar Society, un club segreto che conta sette membri, tutti orfani e che per diversi anni si sono riuniti allo scoccare della Mezzanotte, nella sala principale di un antico palazzo in rovina, il Palazzo della Mezzanotte.

Mentre i sette membri celebrano la loro ultima riunione, il passato bussa alla porta di Ben. Una bellissima ragazza, la gemella di nome Sheere, entra nel palazzo e racconta una storia di amore, morte, pazzia e vendetta che come un’ombra si proietta sul futuro del fratello.

Le braci dell’incendio, divampato sedici anni prima, ricominciano ad ardere e per tre giorni i membri della Chowbar Society cercano di decifrare il mistero che si nasconde dietro il passato di Ben e di Sheere.

Consiglio di leggere questo libro, gustando l’infuso alla mela e cannella.

Di seguito trovate il link —–>https://gustaleggendo.it/tisana-alla-magia-di-mela/

Un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *